Superenalotto: il giocatore “tipo” è maschio, di mezza età e del centro Italia

Ad una settimana dalla vincita realizzata a Catania di 94,8 milioni di euro, uno dei Jackpot più alti della storia, SuperEnalotto ha assegnato un’altra vincita da 25,8 milioni di euro pochi giorni dopo a Roma. I due 6 centrati a distanza di pochi giorni sono dunque un evento eccezionale, che ha permesso di distribuire oltre 120 milioni di euro.

Grazie a questi due Jackpot, nel 2012 SuperEnalotto ha dispensato vincite per un totale di quasi 320 milioni di euro. Ma non è solo la vincita del Jackpot a far felici i giocatori: sempre da inizio anno infatti sono stati realizzati ben 3 “5+” per un totale di 1,7 milioni; 725 “5” per un totale di 24 milioni di euro e 3 “5stella” per un totale di 3,1 milioni di euro grazie all’opzione SuperStar che consente di ottenere grandi vincite.

Il profilo del “vincitore tipo” che emerge è maschio (in particolare per l’84%), di mezza età, che vive nel Centro Italia ed è commerciante o lavoratore dipendente. Guidano la classifica dei più fortunati le persone nella fascia di età 40-59 (43%), seguiti dalla fascia 60-79 (35%). Solo nel 21% dei casi ha vinto una persona di età inferiore ai 40 anni.

A livello geografico la fortuna è molto equilibrata: il 40% delle vincite è stata realizzata da una persona che vive nel centro Italia, il 31% al Nord (13% Nord Est e 18% Nord Ovest) e il 28% da un giocatore del Sud Italia. Le categorie più fortunate: operai, a pari merito con commercianti e pensionati; seguono le casalinghe, gli artigiani, gli agenti di commercio e gli impiegati.

Scrivi un commento