Scommesse sportive in calo

Mentre il mercato delle VLT e degli apparecchi da intrattenimento segna una forte impennata nella raccolta, dati preoccupanti arrivano invece dal settore delle scommesse sportive che ha segnato un calo nel mese di Giugno di quasi 180 milioni di euro, ovvero del 52%.

Analizzando i numeri, gli esperti del settore ritengono che la parabola discendente sia stata causata dalla mancanza nel periodo estivo di un evento sportivo di spicco come lo erano sati nel 2010 i Campionati Mondiali di Calcio che hanno smosso circa 245 milioni di euro.

A sorridere sono i giocatori grazie ad un Payout sempre alto, pari a 77,77%, mentre il margine di guadagno per i concessionari ha sfiorato i 30 milioni di euro.

Per quanto riguarda il calcio, gli appuntamenti ai quali gli scommettitori hanno risposto maggiormente sono stati gli spareggi della Serie B, le qualificazioni agli Europei e la partita amichevole tra Italia e Belgio.

Tra i primi dieci posti anche la supersfida finale del Roland Garros tra Francesca Schiavone la cinese Li, ma anche gli altri big match di tennis proposti sempre dal torneo francese e dal più recente Wimbledon.

Entrando nel particolare dei dati che riguardano l’Italia, la Valle d’Aosta è stata la Regione che ha visto crescere la raccolta del settore scommesse con un incredibile +258% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Scrivi un commento