La Lombardia guida per raccolta giochi

Come da previsione è la Lombardia la regione italiana in cui si gioca con maggiore frequenza. In sei mesi, infatti, la spesa complessiva che i giocatori lombardi hanno investito al gioco ha superato i 6,6 miliardi di euro, il che sta a significare in termini di cifre il 19 per cento del totale nazionale, che ha chiuso a 35,8 miliardi.

Scorrendo nella speciale graduatoria troviamo piuttosto staccati il Lazio con 4,1 miliardi e la Campania con 3,7, rispettivamente l’11,4 e il 10,3 per cento del totale nazionale. A conti fatti, queste tre regioni da sole assicurano oltre il 40 per cento del totale nazionale.

L’ultima posizione della speciale classifica è invece occupata dalla Valle d’Aosta con una raccolta complessiva di 73 milioni di euro (0,2 per cento del totale nazionale), penultimo è il Molise con 203 milioni, terzultima la Basilicata con 261.

Per quanto riguarda invece la spesa pro-capite (la cui media fra tutte le regioni è di 592,7 di euro, primatista è il Lazio (726,8 euro) seguito dall’Abruzzo (701,9) e dalla Lombardia (697,3 euro). Al sud si registra la spesa minore con la Calabria a 428 euro, la Basilicata a 443,4, la Sicilia a 447,1, la Sardegna a 477,1 e la a Puglia 500,2.

Scrivi un commento