Le VLT festeggiano con entusiasmo il primo di anno di vita

Le Videolotterie compiono un anno. Sono infatti trascorsi ormai 365 giorni dal momento in cui gli apparecchi da gioco di ultima generazione hanno fatto per la prima volta capolino sul mercato dell’intrattenimento italiano per regalare ai giocatori la possibilità di vincere il Jackpot di Sala e il Jackpot nazionale (o di Rete) per un massimo di 500mila euro.

Le prime VLT che sono comparse nelle sale da gioco, nelle sale Bingo e all’interno delle agenzie di scommesse nazionali, risalgono infatti alla metà del mese di luglio del 2010 e, dopo un periodo di “prova”, non hanno dovuto attendere molto tempo per entrare nel cuore dei giocatori di casa nostra.

Così, oggi, dopo 12 mesi, come in occasione di ogni anniversario che si rispetti e in attesa di vedere come reagirà il comparto una volta installate tutte le 57mila macchine previste, è tempo di stilare un primo bilancio. Nel primo anno di attività le Videolotterie hanno fatto segnare una raccolta totale pari ad oltre 6,2 miliardi di euro, portando nelle casse dell’Erario (quindi dello Stato) circa 125 milioni ed assicurando, nei primi 6 mesi del 2011, oltre il 14 per cento dei 35,7 miliardi giocati in Italia.

L’eccezionalità del fenomeno Videolottery è testimoniato anche dal fatto che l’ascesa dei nuovi terminali sul mercato sta erodendo fette di mercato alle padrone incontrastate degli ultimi anni: le New Slot che, per la prima volta dopo molte stagioni di dominio assoluto, hanno incontrato in questo primo semestre 2011, una piccola, ma significativa, battuta d’arresto.

Ma l’ascesa delle VLT non si fermerà qui e, senza conoscere battute d’arresto, proseguirà ancora meglio negli anni a venire. Per questo 2011 la previsione che gli analisti del settore parla di13 miliardi di euro di raccolta, una cifra eccezionale considerando che l’aliquota fiscale ridotta garantisce agli apparecchi di redistribuire in vincite l’85 per cento delle giocate.

La curiosità degli operatori, in attesa di altre proiezioni, ora riguarda solo verificare quali potenzialità potranno raggiungere le Videolotteries una volta raggiunta la massima copertura sul territorio italiano.

Scrivi un commento