Nuova apertura di Sala: le Videolottery sbarcano in provincia di Treviso

Cresce a ritmo incessante il mercato delle Videolotterie e, di conseguenza, aumentano a regime esponenziale i Punti vendita adibiti alla tipologia di gioco che in Italia ha fatto capolino nell’ottobre scorso.

Dopo aver documentato l’apertura del Punto IZI Play di Napoli, segnaliamo la nascita ufficiale della sala <Prestige> di Ponte di Piave, in provincia di Treviso. Quella inaugurata nel fine settimana nella cittadina veneta è di fatto la prima della sua provincia, ma va ad inserirsi in un contesto regionale in cui sono già presenti 55 sale adibite alle VLT.

D’altronde le cifre parlano chiaro: con la crisi il numero di giocatori ha subito una rapida impennata, così come in tutto il mondo tanto da costringere Produttori e Concessionari ad adeguare l’offerta di gioco sulla base delle esigenze, durature o passeggere, dei clienti.

Così, mentre i Casinò vecchio stile iniziano a subire il contraccolpo del diffondersi del <gioco online>, stessa cosa non si può dire per tutti quei gestori che hanno saputo rinnovarsi ed accettare la sfida della Rete che, ricordiamo, ha anche il merito di inibire la pratica del gioco illegale.

Rimanendo in ambito regionale i numeri del Veneto si attestano in una posizione centrale in graduatoria. Nell’arco del 2010 i suoi giocatori hanno portato nelle casse dello stato circa 400 milioni di euro suddivisi in: 267 dalle macchinette, 52 dalle Lotterie, 31 dal Lotto, 17 dai giochi a base sportiva, 15 dai giochi numerici e totalizzatori, 9 dal Bingo, 9 dai giochi di abilità e distanza e 5 dall’ippica.

A rimpinguare queste cifre contribuirà anche la Prestige che, con le sue 40 VLT installate sui 400 metri di sala, metteranno a disposizione il classico doppio Jack-pot, quello di sala e quello di Rete o Nazionale, che come abbiamo già spiegato, potrà raggiungere anche i 500mila euro. Davvero niente male, di questi tempi.

Scrivi un commento