Mercato giochi: a maggio spesa effettiva in flessione (-7,1%)

Il mercato dei giochi e dell’intrattenimento ha fatto segnare, nel mese di maggio 2012, una raccolta totale pari a 7,47 miliardi di euro con 6,1 miliardi di vincite registrando un notevole aumento nel confronto con lo stesso periodo dell’anno scorso, ma in flessione (-7,1 %) per quanto riguarda la spesa effettiva (ferma a 1,33 miliardi) rispetto al mese di aprile di quest’anno, quando le vincite pari a 5,8 miliardi sottratte alla raccolta da 7,2 avevano portato a una spesa effettiva da parte dei giocatori di 1,4 miliardi di euro.

Escludendo tutte le forme di gioco e prendendo in esame solo gli apparecchi da intrattenimento che costituiscono la fetta più importante del mercato italiano si hanno cifre interessanti.

Nel mese scorso infatti gli apparecchi hanno fatto registrare una raccolta di 4,1 miliardi di euro per un totale di vincite pari a 3.355 milioni di euro e una spesa dei giocatori di 795 milioni.

Le sole Vlt hanno raccolto 1.8 miliardi di euro, per vincite pari quasi a 1,6 miliardi mentre la spesa dei giocatori tocca i 208 milioni. Il comparto degli apparecchi da solo vale il 55% del mercato totale dei giochi che a maggio ha garantito una raccolta di 7,4 miliardi.

Alle spalle degli apparecchi da intrattenimento ci sono i casinò games e i giochi cash che hanno raccolto oltre un miliardo di euro a fronte di una spesa di 30 milioni e di vincite per un miliardo.

Oltre il 18% della raccolta degli ultimi due mesi proviene dalla Lombardia, regione leader nella raccolta dei giochi a maggio ed aprile con quasi 1,39 miliardi di euro a maggio (il 18,6% della raccolta totale) e 1,36 miliardi ad aprile (18,7%). Seguono Lazio, con una raccolta di 844 milioni ad aprile e 861 a maggio e Campania, con 719 milioni di euro ad aprile e737 a maggio.

Scrivi un commento