La Promotional Stars interviene sulla vicenda “Skill Games 2″

In merito all’operazione “Skill games 2″ condotta dalla Guardia di Finanza di Roma in collaborazione con l’Ufficio regionale Lazio di AAMS, di cui il ns. sito ha dato notizia il giorno 25/03/2011,  la società Promotional Stars, per altro da questo sito MAI nominata, è voluta intervenire per chiarire la propria posizione all’interno della vicenda.

Per dovere di cronaca riportiamo la “difesa” della suddetta società pubblicando integralmente le parole dell’avv. Simona Rampiconi, legale autorizzato ad assistere la Promotional Stars:

“Ad oggi si può dire con fermezza che i proprietari del sito web www.promotionalstars.com ritengono la propria azienda assolutamente estranea alla vicenda. Difatti, costoro fanno parte di una piccola realtà aziendale che opera da meno di un anno nel settore del commercio. Per ottimizzare la propria attività nonché per sponsorizzarla si avvalgono anche di piattaforme telematiche, così tanto diffuse nel nostro Paese. La loro attività viene ritenuta così trasparente che tutto si svolge regolarmente in Italia ove sono state richieste tutte le autorizzazioni del caso previste dalla legislazione nazionale e comunitaria, senza che sia stato fatto ricorso ad escamotage di alcun tipo e ciò proprio a riprova della regolarità del lavoro svolto.
Di contro, il sequestro preventivo a cui è stato dato così ampio risalto anche su quotidiani e riviste di carattere nazionale è ben lungi dall’essere definito, in quanto ancora pendono i dovuti ricorsi presso i competenti Tribunali, a cui soltanto compete di decidere in via definitiva della correttezza dell’operato delle Forze dell’Ordine. In questo contesto, il sequestro di 44 apparecchi e degli strumenti connessi appare di poco conto se paragonato ai sequestri che avvengono giornalmente in tutta Italia, ma è un duro colpo per l’economia della Promotional Stars che si è affacciata in questo mondo da pochi mesi avendo investito risorse ritenute ingenti da parte dei proprietari. Anche il tanto acclamato sequestro del sito www.promotionalstars.com non è che un evidente abbaglio, laddove si consideri che questo altro non è che una risorsa aziendale che consente la gestione della attività di e-commerce e la pubblicazione delle varie promozioni commerciali telematiche ove non esiste alcun gioco né si può interagire con esso non essendoci link ricollegabili a siti esterni di alcun tipo. Il sito web è di uso privato che consente di lavorare su un ufficio a distanza e che consente agli operatori dellapromotionalstars.com di comunicare tra loro.
Di conseguenza, se è stato infondatamente riconosciuto grande merito all’operazione svolta dagli Operanti, grave danno è stato fatto ai gestori del sitopromotionalstars.com. Per tale motivo pendono appositi ricorsi presso le Autorità giudiziarie competenti per controbattere con forza a quelli che vengono considerati degli provvedimenti della pubblica autorità assolutamente illegittimi e basati non su circostanze oggettive ma su semplici presunzioni, a cui faranno seguito precise azioni di responsabilità per i rilevantissimi danni che la promotionalstars.com sta subendo, sicuri che luce verrà fatta”.

Scrivi un commento