Il PD chiede l’aumento del Preu per finanziare le zone terremotate

Sull’annosa questione dell’aumento del Preu (prelievo fiscale sugli apparecchi da gioco e intrattenimento) le richieste di aumento sono ormai all’ordine del giorno nel Parlamento italiano. Dopo la lotta continua dell’italia dei Valori che chiede da mesi a gran voce l’innalzamento della soglia del prelievo per il risanamento delle finanze pubbliche, ora è la volta del Partito Democratico, pu per una ragione più nobile.

Il Pd, nella giornata di ieri, ha infatti presentato in Commissione Ambiente alla Camera un emendamento al decreto “Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo”.

L’emendamenfo prevede che “il Ministero dell’economia e delle finanze-Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato, con propri decreti dirigenziali, in materia di giochi pubblici, adottati entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, provvede a modificare la misura del prelievo erariale unico, nonché la percentuale del compenso per le attività di gestione ovvero per quella dei punti vendita, al fine di assicurare maggiori entrate in misura non inferiore a 25 milioni di euro per l’anno 2012 e 50 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2013.

Scrivi un commento