Il Censis lancia l’allarme sul gioco patologico

Con la crescita dell’accessibilità al gioco aumenta di pari passo anche il numero di giocatori che presentano forme di patologie più o meno accentuate.

La società di statistiche “Censis” nel suo rapporto annuale ha conferito una “interpretazione antropologica” per spiegare le difficoltà che spesso sfociano in disagio in cui si stanno imbattendo numerosi utenti del gioco online in Italia.

Per l’Istituto di ricerca i sintomi derivanti da un eccessivo utilizzo delle piattaforme di gioco e de i terminali fisici sono il declino del desiderio, riduzione del controllo sulle pulsioni e la crisi dell’autorità, che a loro volta provocano nel soggetto patologico una drastica riduzione delle interazioni sociali.

Accanto a ciò non di rado si verificano episodi di violenza o, più in generale, di aggressività.

Per quanto riguarda il settore dei giochi lo studio del Censis ha evidenziato come la percentuale di giocatori patologici nella popolazione adulta oscilli tra l’1 e il 3 per cento.

Scrivi un commento