Nel 2010 entrare erariali per 9,9 miliardi

La Commissione Finanze della Camera dei Deputati di Roma ha presentato il Rendiconto relativo all’anno 2010, tutt’ora in discussione. Dallo studio, illustrato nei giorni scorsi in Parlamento, emerge una serie di dati interessanti oltre che significativi: la raccolta dei giochi del 2010 ha raggiunto quota 61,5 miliardi di euro, in aumento del 13 per cento nel confronto con l’anno 2009.

L’anno scorso il settore del gioco ha prodotto entrate erariali per oltre 8,7 miliardi, registrando un sostanziale equilibrio con i 12 mesi precedenti. Sempre nel 2010 sono state eseguite ulteriori entrate “entrate una tantum pari a 435 milioni provenienti dall’introduzione degli apparecchi da gioco del tipo Videolottery (VTL) e 800 milioni derivanti dalla definizione delle procedure di aggiudicazione delle lotterie ad estrazione istantanea (gratta e vinci).

Pertanto nel 2010 le entrate erariali complessive si sono attestate a 9,9 miliardi e sempre nel 2010 si è assistito ad un incremento del gettito delle imposte sui giochi (18,8 per cento), a cui si contrappone una flessione nelle entrate del lotto (-7,6 per cento) e delle lotterie ed altri giochi (-12,3 per cento).

Scrivi un commento