Nessuna novità per i giochi nel DDL Stabilità

Nei giorni convulsi della crisi dei mercato e del possibile avvicendamento al Governo italiano, senatori e parlamentari, prima di conoscere definitivamente il destino della legislatura Berlusconi, stanno affrettando i tempi per proporre in aula ed approvare il maxiemendamento del Governo al DDL di Stabilità, di cui l’Europa chiede rapidamente conto.

A meno di un giorno dalla votazione, se essa avrà esito positivo quali normative interesseranno il sistema dei giochi attuali? La risposta è nessuna.

All’interno del testo del Maxiemendamento (in cui compaiono modifiche alla leggi in fatto di pensioni, immobili, lavoro, servizi pubblici locali e molto altro) in questo momento in discussione in Commissione Bilancio del Senato non è infatti presente alcuna norma riguardo al comparto dei giochi e dell’intrattenimento, ad esclusione dell’intervento, già previsto, che sancisce il taglio di 50 milioni di euro ad AAMS nel 2012.

All’interno del testo non è quindi presente alcuna novità per quanto riguarda la disciplina dei concorsi a premio.

Scrivi un commento