Gettito 2012 per metà garantito da Slot e VLT

Ammonta ad oltre 750-800 milioni di euro il gettito totale incassato dallo Stato italiano dal comparto dei giochi e dell’intrattenimento, a cui vanno aggiunti ulteriori 6 milioni di euro dalla cosiddetta “tassa sulla fortuna”, ovvero la tassa che viene applicata sui premi superiori ai 500 euro di SuperEnalotto, WinForLife, Gratta e Vinci, e nei primi giorni dell’anno anche delle video lotterie.

A rimpinguare con più generosità la somma destinata all’erario sono stati, ancora una volta, i terminali Newslot che hanno garantito, da soli, circa 300 milioni di euro. Dietro le slot in questa speciale graduatoria troviamo il Lotto e le Lotterie con all’incirca 130 milioni ciascuno.

Se alle Newslot sommiamo il gettito garantito dalle Videolottery (90 milioni), sulle quali a partire dal 2012 è iniziata a gravare una aliquota maggiorata del4%, abbiamo come risultato che le due categorie insieme abbiano versato nei primi due mesi del  nuovo anno, metà della somma globale.

Una cifra di poco inferiore è quella registrata da Superenalotto e WinForLife mentre il Bingo ha portato 20 milioni, 15 le Scommesse Sportive. L’online risponde invece coi giochi tradizionali (poker da torneo su tutti) da 4 milioni, mentre il poker cash ha raggiunto i 7 milioni. Ultime le scommesse ippiche con 3 milioni.

 

Scrivi un commento