Gennaio 2012: le VLT volano nel confronto con il 2011

Con la divulgazione dei primi risultati dell’anno è possibile avere un quadro più dettagliato della situazione dei giochi nel 2012: a gennaio la crescita più evidente è quella fatta registrare dal poker in modalità cash e dai casinò online (skill games), che con 1,24 miliardi di euro di cui circa il 97% restituito in vincita ha segnato una spesa di soli 36 milioni di euro.

Accanto a queste due categorie, le Videlotterie sono passate dai 555 milioni del gennaio 2011 ai 2,2 miliardi dello stesso mese del 2012, segnando un incredibile ascesa del 300%.

E se il Lotto rimane tutto sommato stabile, il Superenalotto segna una flessione di 18 punti percentuali. Al contrario crescono del 17,5% i Gratta e Vinci mentre rallentano pesantemente il giochi a base sportiva (-20%) ma soprattutto, nuovamente, quelli a base ippica (-55,8%), sebbene il dato sia fortemente influenzato dallo sciopero delle corse che ha interessato gli ippodromi proprio nei primi 31 giorni dell’anno. Segno positivo per il Bingo, che a gennaio stacca un +8,3%.

Per quanto riguarda l’andamento del gioco su base regionale, con più di un miliardo e mezzo di euro incassati a gennaio, la Lombardia si conferma la regione dove si gioca di più. Segue il Lazio, che nel primo mese dell’anno ha fatto segnare una raccolta di 977 milioni di euro, mentre sul terzo gradino del podio finisce la Campania con 828 milioni di euro. Insieme, le tre regioni rappresentano il 40,2% della raccolta totale.

 

Scrivi un commento