Gdf Milano: custodia cautelare per Francesco Corallo

La Guardia di Finanza di Milano ha eseguito tre ordinanze di custodia cautelare, di cui una in carcere e due ai domiciliari, nei confronti rispettivamente di Francesco Corallo, dell’ex presidente della Bpm, Massimo Ponzellini, e del suo collaboratore Antonio Cannalire.

A destare sospetti era stato, a suo tempo, un finanziamento pari a 148 milioni di euro che la Bpm avrebbe riversato nelle casse della società Atlantis/Bplus. Un giro di contanti che agli inquirenti è parso immediatamente “non giustificato”.

I soldi che la banca milanese avrebbe prestato alla Atlantis, attiva nei giochi d’ azzardo e vincitrice di una gara d’appalto con Aams, sarebbero poi finiti in una società offshore all’estero a fiscalità agevolata.

Per Francesco Corallo, che avrebbe anche goduto di alcune norme sul gioco atte ad agevolarne l’attività, è scattato immediatamente l’ordine di custodia cautelare.

Scrivi un commento