Entrate in calo per l’Erario nei primi sei mesi 2012

Cala di quasi il 3,5% il gettito erariale sui giochi nei primi 6 mesi dell’anno, passa infatti da 4,35 a 4,2 miliardi. La contrazione colpisce in particolare alcuni “forzieri” dello Stato, come il Lotto (640 milioni, il 21% in meno) e il SuperEnalotto (che assieme agli altri giochi numerici perde il 19,5%, e corrisponde 460 milioni).

Ci sono altri prodotti che registrano crolli addirittura superiori, come il poker a torneo e skill games (-54%) e giochi ippici (quasi il 31% in meno), ma il cui apporto per l’Erario è contenuto (rispettivamente 21 e 26 milioni). Il poker cash e casinò games non invertono la tendenza dal punto di vista fiscale, nonostante non fossero ancora stati lanciati nel primo semestre 2011.

A fronte di una raccolta di oltre 6,7 miliardi, hanno portato nelle casse dello stato appena 60 milioni di euro, beneficiano infatti di un’aliquota ridotta per contrastare l’offerta illegale. Cresce invece di quasi il 300% il gettito delle videolottery (da 107 a 424 milioni) grazie sia all’aumento della raccolta (che è praticamente raddoppiata, raggiungendo i 10,6 miliardi), sia all’aumento dell’aliquota. In parte però hanno cannibalizzato le sorelle newslot (il maggiore contribuente) il cui prelievo è calato del 7% (1,76 miliardi, circa 130 milioni in meno dello stesso periodo 2011).

Scrivi un commento