E’ iniziato il count-down per i Giochi al Consumo

Con la pubblicazione del decreto direttoriale emanato dai Monopoli di Stato (AAMS), sono pronti a fare il loro ingresso sulla scena italiana i Giochi al Consumo, ovvero le Lotterie applicate agli scontrini fiscali istituiti con il decreto Abruzzo del 2009.

Quella dei Giochi al consumo è una categoria nuova per il mercato nazionale legata appunto al consumo: infatti al momento dell’acquisto, presso un supermercato convenzionato, di qualsiasi genere di consumo, l’acquirente avrà la possibilità di scegliere di giocare ad una delle Lotterie previste dal regolamento il resto della “spesa” (fino ad un importo massimo di 5 euro) ricevuto dal negoziante.

Strettamente legate all’acquisto di beni di consumo o servizi, le possibili puntate (che verranno stampate su una apposita sezione dello scontrino fiscale) saranno effettuabili all’interno di diversi terminali contenenti giochi differenti a percentuali già stabilite: 8% al venditore, 2,5% ai Monopoli, 4,5% ai concessionari, 30% all’Erario e 55% al Montepremi.

Le apparecchiature in questione saranno esaminate con scrupolo: il decreto emanato da AAMS contiene infatti le specifiche tecniche e le modalità di funzionamento dei misuratori fiscali per le funzioni previste dal regolamento generale di questo tipo di giochi. Prima della loro immissione sul mercato, i terminali saranno sottoposti a rigidi controlli da parte dei tecnici AAMS supportati dal partner Sogei, per testarne le funzionalità e soprattutto i software di gioco, la memoria e il misuratore fiscale.

L’apparecchio di gioco, nella cui memoria saranno registrati tutti i movimenti delle puntate, sarà collegato ad una rete telematica che garantirà la protezione dei dati trasmessi e ricevuti durante il suo utilizzo. L’attivazione dei nuovi giochi di sorte legati al consumo contribuirà a mantenere il tetto di 500 milioni annui previsti per la ricostruzione delle zone dell’Abruzzo colpite dal terremoto del 2009.

Scrivi un commento