Dai giochi 7,7 miliardi all’erario in 10 mesi

Sono oltre 7,6 i miliardi totali confluiti nelle casse dello Stato garantiti dal comparto giochi ed intrattenimento in questi primi 10 mesi del 2011, ovvero circa il 12,2% delle giocate complessive (62,3 miliardi).

A contribuire maggiormente sono, ancora una volta, gli apparecchi da intrattenimento, vero traino per il settore: le NewSlot hanno versato nelle casse erariali oltre 3 miliardi, cui si aggiungono i quasi 200 milioni delle Videolottery.

A seguire in questa speciale graduatoria troviamo le Lotterie (con i Gratta e Vinci a farla da padroni) e il Lotto, entrambi attorno agli 1,5 miliardi. Dai giochi numerici (SuperEnalotto e WinForLife) lo Stato ha incassato poco più di 900 milioni, il Bingo ha contribuito con 180 milioni, le scommesse e i giochi a base sportiva con 150 circa. I giochi a base ippica invece hanno contribuito con 50-60 milioni.

I peggiori contribuenti si sono rivelati i giochi online: il poker a torneo ha contribuito con una 60ina di milioni; poker cash e casinò games hanno portato nelle casse dello Stato poco più di 20 milioni. Ma, soprattutto per poker cash e casinò games, il 97% delle puntate viene distribuito ai giocatori come vincite: più di 3,7 miliardi, sui 3,8 giocati.

Scrivi un commento